Domando

login/registrati

La capitale storica del Mezzogiorno d’Italia affonda le sue radici in un passato millenario, che trabocca dagli edifici e dai monumenti disseminati su tutto il suo tessuto urbano. Visitare Napoli è come fare un viaggio indietro nel tempo, che lascia sorgere la più naturale delle curiosità: chi ha fondato la città di Napoli?



Chi ha fondato Napoli?


Napoli è una città che vanta oltre duemila anni di esistenza. Riavvolgendo a ritroso il nastro della sua storia la ritroviamo capitale del Regno delle Due Sicilie; poi Napoli murattiana nell’orbita di Napoleone Bonaparte; ancora la Napoli illuminista dei Borbone con l’intermezzo della Repubblica Partenopea; vicereame degli spagnoli e sotto il dominio degli Aragonesi, degli Angioini, degli Svevi, dei Normanni… per arrivare all’inizio del suo tempo e scoprire finalmente chi ha fondato Napoli!

Napoli fu fondata dai greci il 21 dicembre del 475 avanti Cristo. La data del solstizio d’inverno è altamente simbolica, in quanto nell’antichità era d’uso far coincidere la fondazione di una città con il cadere di un importante evento astronomico.

In realtà un primo centro cittadino abitato esisteva già, edificato da coloni greci provenienti dall’attuale isola di Rodi che si erano stanziati sul litorale flegreo fondando Cuma nel IX secolo a.C. Successivamente i cumani si stabilirono nella zona compresa tra l’isolotto di Megaride ed il monte Echia, trovando un luogo favorevole e ben protetto dove poter prosperare.

Nell’area dell’odierno centro storico venne poi impiantato il nucleo della città moderna, provvista di mura difensive, che fu battezzata Neapolis (“Città nuova”) mentre la parte originaria prese il nome di Palepoli (“Città vecchia”), corrispondente all’attuale Borgo Marinari.

Trattandosi di una delle grandi città più antiche dell’Occidente, Napoli ha anche una versione mitica delle sue origini. Nell’Odissea di Omero viene narrato un celebre episodio dove Ulisse affronta l’irresistibile canto delle sirene facendosi legare ad un albero della sua nave, sfuggendo così alla tentazione di gettarsi in mare andando incontro ad una fine certa.

Una delle sirene, per lo smacco subito dall’eroe greco, si lasciò morire ed il suo corpo venne trasportato dal mare fin sulle rive del golfo, adagiato a formare il caratteristico profilo della città. Quella sirena si chiamava Partenope, nome con cui era anticamente conosciuta la città di Napoli.

»» Scopri anche quando fu fondata la città di Roma.


Categorie dell'articolo:

Storia Italia

Altri articoli in Storia:


Quando fu scoperta l’America? La data della scoperta del Nuovo Mondo da parte di Cristoforo Colombo e la sua incredibile storia.

Come morì Napoleone Bonaparte? Dopo apoteosi di gloria e rovinose cadute nella polvere, Napoleone Bonaparte finì i suoi giorni in un luogo lontanissimo da quell’Europa che aveva rivoltato con le sue battaglie. E a distanza di secoli ancora ci si chiede come morì Napoleone Bonaparte.


 
Domando © 2018 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze
Curiosità e informazioni utili, anche come schede didattiche o per ricerche scolastiche.