Domando

login/registrati

Ecco le principali prelibatezze che si possono trovare nella capitale di Francia, con fantasiose combinazioni gastronomiche a base di carne, selvaggina, pesce e verdure. Senza dimenticare i squisiti dolci della cucina francese.



Cosa mangiare a Parigi?


La cucina francese è una delle più rinomate al mondo ed è considerata una delle basi della cucina occidentale. Il pasto alla francese, che è stato riconosciuto Patrimonio dell’umanità Unesco dal 2010, propone fantasiose combinazioni gastronomiche a base di carne, selvaggina, pesce e verdure, accompagnate da salse di tutti i tipi e colori, capaci di donare alle pietanze la tipica e inconfondibile armonia di sapori.

A differenze della cucina mediterranea, la pasta o il riso solitamente sono serviti, bolliti e conditi con burro o olio, come contorno ai secondi piatti. Il pasto tipico francese è, infatti, composto da tre portate: antipasto (hors-d’oeuvres) o primo piatto (entrées), il piatto principale (plats) e il dolce.

Dei primi fanno parte le insalate, le mousse, i paté, gli ortaggi sottaceto, i salumi, le vellutate di verdure, le zuppe, i frutti di mare e i crostacei. Il piatto principale, invece, è a base di carne, pesce o selvaggina, accompagnato da pasta, riso o patate.

Tra le varie pietanze e prodotti tipici della cucina francese, da provare assolutamente sono:

La “baguette” che, secondo l’antica ricetta, dovrebbe essere lunga 70 cm e avere un diametro di 6 cm circa per garantirne la croccantezza esterna e la morbidezza interna. Solo quattro sono gli ingredienti (acqua, farina, lievito e sale) di questa squisitezza a cui ogni anno viene addirittura dedicato “Il gran premio della baguette di Parigi”, che gratifica il miglior fornaio cittadino concedendogli la fornitura, per un intero anno, del palazzo dell'Eliseo, residenza del Capo di Stato.

Le “escargot à la Bourguignonne”, ovvero lumache bollite preparate in crema di burro, aglio e prezzemolo, solitamente servite come antipasto. Se pensate di non assaggiarle perché non sapete come consumarle, state tranquilli: con queste vi saranno fornite apposite pinze e delle forchettine lunghe e sottili per tirarne fuori la carne.

La “soup à l’oignon”, la zuppa gratinata a base di cipolla, formaggio e pangrattato. Molti ritengano che sia un piatto originario della Toscana, esportato in Francia da Caterina de' Medici, quando andò in sposa nella metà del Cinquecento a Enrico II d'Orléans, re di Francia.

Il “foie gras”, specialità a base di oca o anatra, servita solitamente in aggiunta ad un piatto prelibato, per esaltarne i sapori. Aromatizzato alla frutta, al liquore, alla salsa di cipolle, alle verdure, é servito solitamente con tartufi, funghi, pane tostato.

Le “viennoiseries”, ossia prodotti di panetteria a base di pasta sfoglia, tra cui il croissant, il “pain au chocolat”, ovvero un dolce di pasta sfoglia con pezzi di cioccolato, le brioche, i beignet ripieni, lo “chausson aux pommes”, una specie di calzone dolce di pasta sfoglia ripieno di mela e il “pain aux raisins”, un pane fatto di pasta sfoglia con uvetta.

Il “Ratatouille”, piatto a base di verdure, preparate con alloro, basilico, cipolle, melenzane, peperoni, pomodori, zucchine, timo e pepe.

Lo “Chateaubriand” o “Filet Mignon”, carni di prima scelta passate nel pepe nero macinato o direttamente sui granelli di pepe e poi scottate in padella a fuoco alto, servite con salsa bernese, sauté di verdure o patate.

Le “Cuisses De Grenouille”, ossia cosce di rana aromatizzate con sale, pepe e limone, impanate, ripassate nell’uovo e fritte in olio d’oliva.

Le “boeuf bourguignon”, stufato di carne al vino rosso di Borgogna, servito accompagnato da funghi, patate, pasta o tagliatelle. Tra i piatti di carne più famosi ricordiamo anche l'“entrecote”, un taglio ottenuto dalla lombata di manzo guarnito con varie salse, e il “boeuf alla bourguignonne”, ossia carne di bue marinato nel vino e il “coq au vin”, il galletto al vino.

Infine sono imperdibili i “crochembouche”, una montagna di bignè farciti con una cascata di caramello e ripieni di panna, crema pasticciera o chantilly.


Categorie dell'articolo:

Viaggi e Turismo Parigi

Altri articoli in Viaggi e Turismo:


Dove fare shopping a Barcellona? Dove fare acquisti nella capitale della Catalogna? Eccovi alcuni utili suggerimenti, per trovare dai marchi più prestigiosi della moda ai prodotti tipici catalani. Se siete in visita alla città non vi perdete questo articolo.

Cosa vedere a Londra? Se si hanno pochi giorni di tempo, cosa è da visitare assolutamente a Londra? Scopriamo insieme i dieci luoghi più interessanti della città, capitale dell'Inghilterra e del Regno Unito.


 
Domando © 2018 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze
Curiosità e informazioni utili, anche come schede didattiche o per ricerche scolastiche.