Domando

login/registrati

Il mouse permette di eseguire più agevolmente le azioni sui computer. Vediamo quali sono le parti principali di un mouse e come si utilizza.



A cosa serve il mouse?



Ogni interazione con il computer può avvenire sia con la tastiera che con il mouse. In realtà è quest’ultimo strumento ad essere utilizzato più di frequente per indicare le azioni da eseguire.

Il movimento del mouse su di un piano fa muovere sullo schermo una freccia detta Puntatore. Una operazione che coinvolge il mouse si svolge, generalmente, in due fasi: puntare e fare clic.
Sul mouse sono presenti due pulsanti, il pulsante sinistro e il pulsante destro. Spesso è presente anche una rotellina disposta al centro tra i due pulsanti.

Il pulsante sinistro va utilizzato in tutti quei casi in cui si devono impartire comandi al sistema ed esso può essere utilizzato in due modalità: doppio clic e singolo clic.

Per puntare un oggetto si muove il mouse finché il puntatore raggiunge l’oggetto stesso. Per fare clic occorre premere il pulsante e rilasciarlo. Se l’oggetto è un’icona o una finestra, esso verrà Selezionato (nel caso particolare di un’icona, questa, dopo il clic del mouse, apparirà come oscurato o ricoperta da un retino).

Il doppio clic si esegue premendo due volte in rapida successione il pulsante, di solito permette di attivare un azione su un oggetto. Ad esempio effettuando il doppio clic sull’icona di un documento, questo si apre.

Il pulsante destro, invece, di solito permette di accedere, tramite un singolo clic, al menù di scelta rapida o menù contestuale nel quale sono visualizzati i principali comandi relativamente all’oggetto su cui si è cliccato. Le voci presenti in questo menù non sono uguali per tutti gli oggetti, ma dipendono dal tipo di oggetto su cui si è fatto clic e permettono una serie di azioni possibili su di esso. Queste scelte includono comunemente: Apri, Taglia, Copia, Elimina, Rinomina e Proprietà.

Per qualunque oggetto proprio di Windows la voce Proprietà del menù attivato col pulsante destro, presenta una finestra organizzata a schede. Ognuna delle schede presenti permette di conoscere e, in alcuni casi, modificare le caratteristiche dell’oggetto (ad esempio si può vedere la data di creazione di un documento).

La rotellina va utilizzata ruotandola sia in senso orario che antiorario per poter scorrere (scroll) le pagine (ad esempio di un documento o di una pagina internet) il cui contenuto non entra completamente in una schermata.

Con il mouse è anche possibile spostare un oggetto da una parte all’altra dello schermo oppure da una finestra ad un’altra. Questa operazione, detta trascinamento (drag and drop), consiste nel selezionare un oggetto e, senza rilasciare (cioè tenendo premuto) il pulsante del mouse, spostarlo in un altro punto.

Scopri anche come è fatto un computer e che cos'è il puntatore.


 
Domando © 2018 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze